feb 09, 2013 | Post by: admin Commenti disabilitati

HISTORY di Fernando Antonio Casiere e Michele Colucci

 

Amici lettori.

Dopo la muraglia cinese, la Piramide di Cheope, un’altra opera ciclopica! Trenta anni di Sanremo in poche pagine. E’ stato difficile scegliere, per tutte le edizioni, la canzone più bella (che quasi mai coincide con la vincitrice) e quella più brutta (che  purtroppo spesso coincide).

Abbiamo pensato di inserire la canzone vincitrice e, sulla base del nostro opinabile gusto personale, scegliere la maglia rosa e la maglia nera, anche per rendere giustizia a tante canzoni sottovalutate e per punire, sia pur retroattivamente, quelle cui sono stati tributati onori immeritati.

Come gli elettori sono i sovrani della democrazia, i lettori (senza la e iniziale) sono i sovrani di Oblomovpress e, pertanto, liberi di condividere o meno le nostre scelte, salvo poter intervenire nel modo che spiegheremo alla fine.

L’anno zero è il 1981.

Vincitrice Alice con Per Elisa.

Canzone più bella : Ancora di Luciano De Crescenzo. Uno dei casi in cui una bella canzone ha fagocitato il suo interprete.

Canzone più brutta: I Ragazzi Che Si Amano dei Collage. Il trash al potere.

1982 Vincitrice: Storie Di Tutti I Giorni di Riccardo Fogli

Canzone più bella : E Non Finisce Mica Il Cielo di Mia Martini. Povera Mimì, brava e sfortunata.

Canzone più brutta: Felicità. Quando Albano e Romina erano odiati. Il bicchiere di vino con il panino dava a loro felicità. A noi faceva incazzare.

1983 Vincitrice: Tiziana Rivale con Sarà Quel Che Sarà

Canzone più bella : Vacanze Romane dei Matia Bazar. Bella, raffinata e originale.

Canzone più brutta: Mi sono innamorato di mia moglie di  Gianni Nazzaro. Teribbile (con una sola r e due b, alla romanesca).

1984 Vincitrice: Albano e Romina con Ci Sarà, che si aggiudica anche la maglia nera per la peggior canzone (vedi l’anno 1982)

Canzone più bella : Nina di Mario Castelnuovo (su pressioni esterne). Dolcissima canzone d’amore.

1985 Vincitrice: Ricchi e Poveri con Se Mi Innamoro

Canzone più bella : Donne di Zucchero. Donne, tututu, in cerca in guai. Ancora oggi resiste all’usura del tempo.

Canzone più brutta: Noi ragazzi di oggi  (con la o chiusa, badate bene) di Luis Miguel. Il giovincello ispanico anticipa l’imminente invasione delle telenovelas sudamericane (tipo Anche I Ricchi Piangono). Pronti via!

1986 Vincitrice: Adesso Tu di Eros Ramazzotti

Canzone più bella : Lei Verrà di Mango ex aequo con Brividi di Rossana Casale. Due bravi artisti che raggiunsero il loro apice nella circostanza, per poi galleggiare dignitosamente.

Canzone più brutta: Il Clarinetto di Renzo Arbore. Ci dispiace per Lorenzo, in arte Renzo, ma il suo umorismo di grana grossa è più indicato per una caserma. Meritiamo sicuramente di più.

1987 Vincitrice: Si Può Dare Di Più di Morandi – Tozzi – Ruggeri

Canzone più bella: Quello Che Le Donne Non Dicono di Fiorella Mannoia ex aequo con Rosanna di Nino Bonocore. La canzone di Fiorella Mannoia è una perfezione di testo, musica ed interpretazione. La dolce Rosanna di Nino Bonocore, una lieve carezza.

Canzone più brutta: Nostalgia Canaglia della famigerata coppia Albano – Romina (vedi 1982, 1984).

1988 Vincitrice: Perdere L’Amore di Massimo Ranieri che si aggiudica anche il titolo di miglio canzone. Quando Massimo Ranieri cantava “ …prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo …”  sicuramente non pensava a tutte le ugole degli anni a venire vittime del karaoke, immolate su quelle note.

Canzone più brutta: Italia di Mino Reitano. Povero Mino Reitano. Buono, onesto, lavoratore. Deriso dai suoi colleghi. E lui che credeva che i suoi acuti  Italiaaaa, Italiaaaa) suscitassero ammirazione. Un minuto di indignazione.

1989  Vincitrice: Ti lascerò di Oxa – Leali

Canzone più bella: Almeno Tu Nell’Universo di Mia Martini. Bellissima. La canzone che tutti avremmo voluto scrivere. Ad averci il talento di Bruno Lauzi (e Maurizio Fabrizio).

Canzone più brutta: Cara Terra Mia di Albano e Romina, che concorre per la più brutta di sempre

ex aequo con Vasco di Jovanotti (ci piange il cuore). Sull’insopportabile trash di Albano e Romina non è altro che una conferma delle annate 1982, 1984, 1987. Qui c’è l’aggravante del messaggio ecologico. Era meglio il bicchiere di vino con il panino. Inserire Lorenzo ci fa male, ma Vasco fa proprio schifo. Meno male che si cresce ed il ragazzo poi è migliorato e sta dando grandi soddisfazioni.

1990  Vincitrice: Uomini Soli dei Pooh (in duetto nientepopodimeno che con Dee Dee Bridgewater, che l’anno precedente avevamo scoperto a Lucera in un memorabile concerto)

Canzone più bella : Donna Con Te di Anna Oxa. Canzone  piena di allusioni ma ben interpretata. Il 1990 non fu una bella annata. Non è stato facile scegliere

Canzone più brutta: Disperato di Marco Masini. Mannaggia a te, Masini. E riprenditi!

1991 Vincitrice: Se Stiamo Insieme di Riccardo Cocciante

Canzone più bella : Spunta La Luna Dal Monte di Pierangelo Bertoli e dei Tazenda. La canzone è carina. Ma anche il 1991 non fu una buona annata.

Canzone più brutta: Siamo Donne del duo sexy Jo Squillo e Sabrina Salerno. La bruttezza di questa canzone ha fagocitato le interpreti. Come Eduardo de Crescenzo (vedi 1981). Ma al contrario.

1992 Vincitrice: Portami A Ballare di Luca Barbarossa

Canzone più bella : Che Ne Sai Della Notte di Lorenzo Zecchino. Anche qui è stata dura scegliere, come nelle due annate precedenti. Almeno premiamo un foggiano.

Canzone più brutta: La forza della vita di Paolo Vallesi. Piccoli Masini crescono.

1993 Vincitrice: Mistero di Enrico Ruggeri (nomen omen: è un mistero come abbia fatto a vincere)

Canzone più bella : La Solitudine di Laura Pausini. Quanto è tenera questa canzone! L’inno delle ragazzine innamorate.

Canzone più brutta: Come Passa Il Tempo della nazionale dinosauri del beat, composta da I Camaleonti, Vandelli, i Dik Dik. Eh, già. Purtroppo passa.

1994 Vincitrice: Passerà di Aleandro Baldi

Canzone più bella : E Poi di Giorgia. Bella, bella, bella. Giorgia non ha più inciso una canzone così bella.

Canzone più brutta: un’accolita di brontosauri denominata Squadra Italia con Una vecchia canzone italiana. Eh, già. Come passa il tempo.

1995 Vincitrice: Giorgia con Come Saprei

Canzone più bella: La Vestaglia di Massimo Ranieri. Si accusò questa canzone di essere un plagio di una vecchia chanson di Charles Aznavour. La colpa è sua (di Charles). Avrebbe dovuto prevederlo.

Canzone più brutta: Gente come noi di Ivana Spagna. E tutti a rimpiangere “Easy lady“

1996 Vincitrice: Vorrei incontrarti tra cent’anni di Ron in duetto con Tosca, che è anche la canzone più bella. La consacrazione per due bravi artisti. Un duetto veramente speciale.

Canzone più brutta: Sulla Porta di Federico Salvatore. Ma che “’azz“ canti!

1997 Vincitrice: Fiumi Di Parole dei Jalisse, che si aggiudica anche il titolo di canzone più brutta ex aequo con E la notte se ne va di un giovanissimo Caparezza, che all’epoca si faceva chiamare Mikimix. E le giurie impazzirono. Succedeva ogni tanto. Adesso, col predominio del televoto, succede puntualmente ad ogni edizione.

Canzone più bella : Confusa E Felice di Carmen Consoli. La cantantessa incanta con le sue inquietudini, i testi impossibili e la sua voce anomala. E poi le stoppate presenti in questa canzone risuonano ancora.

1998 Vincitrice: Senza Te O Con Te di Annalisa Minetti, che vince anche la maglia nera.  In Inghilterra With or without you degli U2. In Italia Senza te o con te di Annalisa Minetti. E poi ci lamentiamo dello spread!

Canzone più bella : Lasciarsi Un Giorno A Roma di Niccolò Fabi. Ci sono modi e modi per cantare la sofferenza. Masini, impara!

1999 Vincitrice: Senza Pietà di Anna Oxa

Canzone più bella: Oggi Sono Io di Alex Britti che vince la sezione giovani. Una canzone potente, nobilitata da una cover di Mina. Ma l’edizione non offriva molto.

Canzone più brutta: Senza Giacca E Cravatta di Nino D’Angelo. Forse non abbiamo ancora metabolizzato l’immagine di Nino d’Angelo col caschetto dorato…

2000 Vincitrice: Sentimento della Piccola Orchestra Avion Travel si aggiudica anche la maglia rosa. Un’operetta dal gusto retrò del gruppo italiano più innovativo del periodo.

Canzone più brutta: Non Dirgli Mai di Gigi D’Alessio. Mamma mia! E questo qui riempie pure gli stadi.

2001 Vincitrice: Luce Tramonti Al Nord Est di Elisa che si aggiudica all’unanimità il titolo di miglior canzone. Elisa, ti preghiamo! Canta in italiano. E scrivi canzoni come questa!

Canzone più brutta: Stai Con Me Forever dei Gazosa. Prima di cantare www mi piaci tu già facevano danni.

2002 Vincitrice: Messaggio D’Amore dei Matia Bazar

Canzone più bella: Salirò di Daniele Silvestri. Canzone originale. Un piccolo capolavoro neo-disco. Indimenticabile il tipo con i baffi che ballava….

Canzone più brutta: Lacrime Dalla Luna di Gianluca Grignani . Il ragazzo aveva iniziato bene (ricordate La mia storia tra le dita?). Poi si è perso.

2003 Vincitrice: Per Dire No di Alexia

Canzone più bella: L’Amore E’ di Siria. Canzonetta con il tipo che fischiettava. Simpatica e fresca.

Canzone più brutta: Non Si Cresce Mai di Bobby Solo e Little Tony. Purtroppo siete cresciuti. E si vede.

2004 Vincitrice: L’Uomo Volante di Marco Masini

Canzone più bella: Crudele di Mario Venuti. In una delle edizioni più brutte, un raggio di luce. Un gioco sadomaso cantato con ruvida dolcezza.

Canzone più brutta: Single di Danny Losito in una delle edizioni più brutte una canzone brutta che però si può mimetizzare in mezzo alle altre.

2005 Vincitrice: Angelo di Francesco Renga

Canzone più bella: Mentre Tutto Scorre dei Negramaro (eliminata nella categoria giovani). Una sferzata di energia. Ritmo, voce, stoppate. Bellissima canzone. Ovviamente eliminata.

Canzone più brutta: Uomo Bastardo di Marcella. La scritta “uomo bastardo“ sui glutei grida ancora vendetta.

2006 Vincitrice: Vorrei Avere il Becco di Povia, che vince anche il titolo di peggior canzone, ex aequo con Essere Una Donna di Anna Tatangelo. Che altro dire?

Canzone più bella : Com’E’ Straordinaria La Vita di Dolcenera. La ragazza prometteva. Poi si è un po’ persa.

2007 Vincitrice: Ti Regalerò Una Rosa di Simone Cristicchi, che si aggiudica il titolo di miglior canzone. Una canzone poetica, commovente, di grande impegno civile. Una rivelazione. Degna vincitrice. Aspettiamo una nuova canzone all’altezza.

Canzone più brutta: La Paranza di Daniele Silvestri. Daniele, ma che combini!

2008 Vincitrice: Colpo Di Fulmine di Lola Ponce e Jo Di Tonno

Canzone più bella : Vita Tranquilla di Francesco Tricarico (menzione speciale per Il Solito Sesso di Max Gazzè)  Stonato come pochi. E’ entrato di diritto nella playlist di Oblomovpress (vedi l’articolo a firma di Annarita Favilla, pubblicato sul numero scorso).

Canzone più brutta: Rivoluzione di Frankie Hi Energy. Abbiamo adorato Fight The Faida e Quelli Che Benpensano. Ma non si vive sugli allori.

2009  Vincitrice: Dentro Ad Ogni Brivido di Marco Carta

Canzone più bella: Come Foglie di Malika Ayane. Che bella canzone! E che eleganza di interpretazione!

Canzone più brutta: Luca Era Gay di Povia. Tanto brutta da prestarsi benissimo alle parodie: divertentissima in particolare quella di Elio e Le Storie Tese.

2010 Vincitrice : Per Tutte Le Volte Che…. di Valerio Scanu

Canzone più bella: Credimi Ancora di Marco Mengoni (premio aggiudicato a fatica). Che brutta edizione. Marco Mengoni, svegliati! Si può fare di più. E meglio.

Canzone più brutta: Italia Amore Mio dell’improbabile Trio Pupo, Emanuele Filiberto e il tenore Luca Canonici (special guest Marcello Lippi). Riteniamo questa canzone una delle più brutte di sempre (e non solo di Sanremo). Con l’aggravante dello special guest Marcello Lippi. Lo ammettiamo, preferiamo Claudio come CT.

2011 Vincitrice: Chiamami Ancora Amore di Roberto Vecchioni

Canzone più bella : Io Confesso dei La Crus (rectius di Mauro Ermanno Giovanardi); menzioni speciali per Yanez di Davide Van Der Sfroos, Follia D’Amore di Rafael Gualazzi e L’Alieno di Luca Madonia). L’imbarazzo nella scelta sta a testimoniare l’elevato livello dell’edizione. Prevale di una tacca il pezzo dei La Crus, raffinato e dall’elegante interpretazione. Primus inter pares.

Canzone più brutta Arriverà dei Modà. Figli naturali dei Teppisti Dei Sogni. Ma non ditelo in giro! Hanno molti fans all’attivo che non la prenderebbero bene.

2012 Vincitrice: Non E’ L’Inferno di Emma

Canzone più bella : Nella Vasca Da Bagno Del Tempo di Erica Mou. Auguriamo di cuore maggior successo di quello che già sta arrivando a questa giovanissima cantautrice biscegliese, molto audace. Comunque non è stata un granchè come edizione, anche se una menzione speciale va fatta per Al Posto Del Mondo di Chiara Civello, eliminata prima della finale, un sensuale tango scritto a quattro mani con Tejera.

Canzone più brutta: Ci Vediamo A Casa di Dolcenera. Cara Dolcenera, ti perdoniamo il nome d’arte (molto pretenzioso). Nel 2006, a causa della recessione, la tua canzone l’abbiamo scelta come migliore del festival. Ma adesso mettiti a studiare!

CONCORSO APERTO AI LETTORI DI OBLOMOVPRESS: i lettori (senza e davanti) sono invitati a votare, tra quelle da noi selezionate, le tre canzoni più belle e le tre più brutte, scrivendo all’indirizzo della redazione redazione@oblomovpress.it. Non è un televoto, non costa niente, solo il fastidio di scriverci (o il piacere, se credete). All’esito pubblicheremo i risultati: le canzoni più votate saliranno sul podio, dopodichè saranno attribuite la maglia rosa e la maglia nera. Non si vince niente, se non il gusto di fare un po’ di giustizia, sia pur retroattiva.