feb 17, 2013 | Post by: admin Commenti disabilitati

PEPPINO di Nicola Lembo

 

Campagna…scorre su entrambi i lati della macchina, in quadri piatti ed ordinati, righe pulite e dritte…quanto lavoro!

Lavoro…manco scannato a lavorare in campagna, ci andassero gli africani! All’alba già con la schiena spezzata in due…
Troppo semplice dire verde… quello stinto degli ulivi, quello brillante dell’erba, quello scuro ed aggrumato dei broccoli… me la raccoglierei una cassettata di broccoli, però! Freschi, teneri, appena tagliati, che dal verduraio, fra raccolta e magazzino, son secchi già da tre giorni…
Siamo un po’ vicini al paese, però; se mi vedono che cazzo di figura ci faccio, col Mercedes coupé a fregare i broccoli in campagna…

Vabbè, in due minuti do una roncolata veloce, non mi vede nessuno.
Mi infilo nel viottolo, fermo e scendo: nessun’altra macchina in vista…é vero che ‘sti contadini sono capaci ancora di venire al lavoro in bicicletta…
E dove la metto la verdura? Un coltello in macchina ce l’ho, forse una o due buste di plastica pure, ma se trovassi una cassetta, qui nel campo, forse vicino al capanno laggiù…
Quella però non é una cassetta, é una schiena…mi ha sentito arrivare…dannati contadini, sempre con la schiena piegata e il muso nella terra…ecco che si mette dritto, pare che debba sollevarsi uno pterodontodattilo!
Però, per quanto possa metterci, massimo fra due secondi devo inventarmi una cazzata…se mi giro e me ne vado lo capisce che volevo fregarmi i broccoli…ma che cazzo, su, gli chiedo dov’é la masseria di Filippone, ho ancora le mani pulite, mi sembra.
E’ che la faccia che fa é un pò strana…mi aspetto l’espressione da cane arrabbiato che difende il campo e questo sembra invece un penitente che si torce le mani per non piangere…

Strano-strano-strano…questo non é il padrone…

- “Allora, stai facendo un bel servizio?”

- “Compa’, veramente, solo una busta di un po’ di verdure…”

- “Di buste ne vedo due…”

- “Si, ma per pulirle, le frasche le do ai conigli”
- “Hum…quelle cime di rapa andrebbero meglio come contorno, ai conigli, che come mangime…”

- “E’ lo stesso, tanto adesso non me le porto! Le lascio qui?”
- “Come, le lasci qui! Così vanno sprecate… vabbè, svuota le due buste, così, si, adesso finisci di pulire i broccoli…bene, rimettili nelle buste…riempi con altri broccoli….

- “Va bene, sono disposto a comprarli, ma così sono troppi!”
- “Tu non ti preoccupare e riempi! Adesso andiamo alla macchina. Certo, alla mia macchina, lo so che stai a piedi. Pesano? Me lo facevi il danno! Bene, metti le due buste nel portabagagli”
- “Ah! …Va bene, compà, basta che finisce qui…”
- “Dovrebbe finire qui, eh? E che ti devo dire…prendi quella busta vuota, quella che sta vicino al triangolo…riempila di verdura e portatela a casa…ma solo una busta, eh, mi raccomando! E naturalmente, qua non ci devi venire più…buongiorno!”

- “Buongiorno a voi, signoria, e tante grazie!”