mar 23, 2015 | Post by: admin Commenti disabilitati

MORDECAI RICHLER, IL GENIO DEL RISCATTO di Michele Colucci

 

Questa settimana,  giovedì 26 alle ore 21.00, Parole doc presenta al Chinaski un romanzo giovanile di Mordecai Richler il geniale inventore di Barney Panofsky, uno dei personaggi più amati degli ultimi anni. Bene, con questo libro del 1980 tradotto in Italia solo nel 2013, dal titolo “Joshua allora ed oggi”, possiamo dire di avere finalmente trovato il progenitore di Barney. Joshua Shapiro, scrittore e giornalista di successo, ebreo canadese come il suo autore, è ricoverato in ospedale dopo la misteriosa sparizione dell’amatissima moglie Pauline e dopo essere stato coinvolto in un clamoroso scandalo di natura (omo)sessuale. Nello stato confusionale in cui si trova, Joshua non è in grado di dire quale delle innumerevoli voci che circolano sul suo conto sia fondata, e quale invece debba considerarsi una calunnia. Per riuscirci, dovrà infatti andare molto indietro nel tempo, fino a un’infanzia divisa tra una seducente madre, nota nella zona di St. Urbain Street per i suoi spogliarelli, ed un padre ex pugile, che ha messo i guantoni al servizio di un gangster (assolutamente imperdibili le sue impacciate lezioni di educazione sessuale ad un adolescente Joshua e le originali letture della Bibbia).

Le analogie con La Versione sono evidenti: ci troviamo di fronte ad una nuova versione, l’ennesimo racconto morale sul riscatto di un talento vittima di pregiudizi razziali e dell’invidia.

Uno dei temi di maggiore interesse del romanzo sono gli scontri di classe: il rude Joshua, cresciuto per strada senza avere neanche terminato gli studi per via di un furto, sposa in seconde nozze una donna bella e raffinata, figlia di un senatore, il quale, nonostante i primi immancabili contrasti col genero, col tempo imparerà ad apprezzare il suo mondo fino a diventare inseparabile compagno di merende (e complice di alcuni misfatti) del consuocero.

Attraverso salti temporali e nello spazio cui i lettori di Richler sono abituati si ripercorrono gli anni di Ibiza, dove il giornalista in erba raccoglierà tutte le informazioni per il suo unico romanzo sulla guerra civile spagnola; ma non mancano le avventure sentimentali, le incomprensioni con i figli, soprattutto col maggiore Alex, gli insopportabili amici della moglie e la solita, incontenibile frenesia vitale.

Alla fine Joshua Shapiro riuscirà, a modo suo, a comporre il rompicapo ed il suo autore a confezionare un piccolo capolavoro di ironia yiddish e di arte narrativa.