set 10, 2015 | Post by: admin Commenti disabilitati

LUGLIO, AGOSTO………..SETTEMBRE VERO di Michele Colucci

 

E’ un settembre fitto di iniziative quello che sta vivendo la città di Lucera, come mai era accaduto in precedenza. Non si era ancora spenta l’eco delle tre serate organizzate a fine agosto dal neonato Consorzio del Cacc’e ‘mmitte, la più antica DOC di Puglia, che piazza Duomo è tornata a trasformarsi in contenitore culturale, questo volta per la resuscitata festa del PD, sulla cui pedana si sono alternati ospiti politici di rango e interessanti cover band, la più suggestiva della quali senza dubbio sono stati i Maltesi, venuti da Bari, che hanno reso omaggio ad uno dei maggiori poeti della nostra canzone d’autore, quel Fabrizio De Andrè che è sembrato rivivere, rievocato da un vocalist la cui voce impressionava per la somiglianza.

Neanche il tempo di riprendere fiato che nella suggestiva corte di Palazzo D’Auria Secondo abbiamo assistito alla splendida esibizione di un’affascinante Chiara Civello, che ha celebrato da par suo la canzone italiana degli ultimi cinquant’anni insieme ai maggiori successi da lei stessa scritti. Alternandosi al piano acustico ed alla chitarra, accompagnata dal solo Alfonso Deidda ai fiati ed al piano, la più internazionale delle nostre interpreti ha sedotto il folto pubblico accorso in un set vibrante di patos. Venerdì 11 settembre sarà la volta di Sergio Caputo e dei suoi intramontabili swing, che sarà accompagnato da Luca Pirozzi al basso e da Alessandro Marzi alla batteria. Chiude la terza edizione di un Cacc’e mmitte Festival sempre più nobile, venerdì 25 settembre il controverso Marco Castoldi, in arte Morgan, già leader dei Bluvertigo e autore del fantastico Canzoni dell’appartamento tra le quali Altrove, una delle più belle canzoni d’autore di tutti i tempi.

Per non tacere della vivacissima libreria Kublai che, nata in controtendenza da meno di un paio di mesi, ha già messo a segno un paio di colpi di valore assoluto, tra cui Mario Desiati che mercoledì 9 ha presentato il suo ultimo libro sulla strage dell’Heysel intitolato La Notte dell’Innocenza, introdotto da Marco Esposito.

Non è mancata all’appuntamento neanche la Cremeria Letteraria di Piazza Duomo, animata dal dinamicissimo Pippo Grasso, che giovedì 10 presenta il duo Vitale-Mezzina, in una notte di fine estate in cui si spazierà dallo swing alla bossa nova fino alla canzone napoletana.

Intanto la notte di sabato 12 si terrà la terza Sagra delle Sagre, con la partecipazione di ben 12 Pro Loco tra cui quella locale, che ha curato l’organizzazione della manifestazione. E così, tra stand gastronomici che spunteranno in ogni angolo del paese, ciascuno con l’offerta di una diversa specialità, si potrà assistere a spettacoli di vario genere. Ce ne sarà davvero per tutti i gusti: dal teatro con Vito De Girolamo in una sue personale interpretazione del Rigoletto nella corte del Museo Civico, alla canzone d’autore classica proposta in piazza Duomo dal duo Pietro Verna – Francesco Galizia; dalla musica classica e colonne sonore del cinema del Trio Magna Capitana nel Palazzo Vescovile agli artisti di strada in Piazza Nocelli ed alle danze popolari in Piazza della repubblica.

Ma l’appuntamento di maggior richiamo sarà senz’alcun dubbio costituito dal Trio jazz di Michele Carrabba, col leader ai sax, Vito di Modugno all’organo Hammond e Mimmo Campanale alla batteria. Un trio dal groove micidiale, composto da tre superstar che vi faranno sognare (solo per citare il maggior riconoscimento, ricordiamo che Vito di Modugno è stato inserito tra i migliori organisti al mondo dall’americana Downbeat, una delle maggiori riviste musicali del settore).

Ma non basta. Perché dal 16 al 20 settembre puntuale ritorna la XIII edizione del “Festival della Letteratura Mediterranea” organizzato e promosso dall’associazione Mediterraneo è cultura.

Titolo della manifestazione  quest’anno è “Stile Ostile. Donne e scrittura“. Tra le scrittrici presenti  Susan Abulhawa, palestinese, che per la prima volta presenterà in Italia il suo romanzo “Nel blu tra il cielo e il mare” (Feltrinelli, 2015); Igiaba Scego, giornalista italo somala, che ci parlerà del suo ultimo libro “Adua” (Giunti, 2015) uscito il 2 settembre; Violetta Bellocchio, scrittrice e giornalista, che porterà a Lucera la sua raccolta “Quello che hai amato” (Utet, 2015) in uscita l’8 settembre e quella del Festival sarà la prima presentazione ufficiale del libro al Sud.

Anche se l’amministrazione, alle prese con una disastrosa povertà di bilancio ereditata dai predecessori, non ha potuto offrire alcuna programmazione culturale, va rimarcato il dinamismo dell’iniziativa privata, che ha saputo supplire in maniera più che egregia, fornendo contributi di ottimo livello, da portare ad esempio anche in altre realtà alle prese con gli stessi problemi, e da sviluppare ulteriormente nei mesi a venire, almeno si spera.